logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

Il Sogno Di Marx (prosa)

 

Testo Il Sogno Di Marx (prosa) - 1976/1977

 

Quando si è un po' filosofi, non si sogna mai a caso. Ero, una specie di Diogene, con una lampada da duemila watt in mano, una macchina fotografica, e cercavo in un posto che poteva essere Milano. Sento una voce nella nebbia che mi fa, così non fotograferai mai nienteee.
- Chi siete? E lui
- Un tedesco di passaggio
- Ah penso io, il solito pessimista della Scuola di Francoforte, macchè, esce dalla nebbia un bel signore con la barba, che mi fa 
- Piacere Carlo Marx.
- Uhh.
- Vedi ragazzo
- Come ragazzo? Mi chiamano tutti compagno, arriva questo e cambia il vocabolario un’altra volta
- Non basta una macchina fotografica con gli obbiettivi giusti, tu sbagli i tempi, credimi io ho una certa esperienza della roba che si muove.
- E questo è vero eh
- Dunque, come si muoveva il tutto ai miei tempi? Qui il capitale, qui le classi, qui la borghesia eccetera eccetera, e io..Flash
- Simpatico il Marx quando si scalda eh, però mi permetto di dirgli, Marx, anche noi, anche noi  capitale, classi, la borghesia flash. E lui
- Bravi
- Grazie. Ho capito dopo che per lui bravi voleva dire coglioni, affettuosamente si intende, l’ho capito dal seguito
- Bravi, la borghesia non c’è più, o meglio non conta, sbriciolata
- E no, qui mi incazzo, non c’è più. Oddio non c’è più la borghesia, che detto da lui fa anche rabbia, perché uno dice, allora ci han preso per il culo fino a adesso e no scusa, un momento Marx, scusa un attimo, i padroni voglio dire, i capitalisti.... e lui bello, con quegli occhi che vedono tutto
- I padroni, i capitalisti non li vedo, nel senso che stanno diventando impersonali
-  Ma puttana miseria, io ho bisogno di aggrapparmi a qualcosa, ho bisogno di punti fermi
- Allora dovevi sognarti Gesù
- Già fatto grazie. Ma mi dica maestro, scusi, ma la lotta di classe, la lotta di classe, lasciami almeno la lotta di classe. E lui calmo
- La lotta di classe..
- Più svelto maestro, dai
- La lotta di classe, sarebbe ancora giusta..
- Oh meno male
- Se fossero chiare le classi.
- Come non son chiare le classi? Ma, allora non sei marxista. E scusa, mi incazzo Marx, ma mi sembri un po' spappolato eh. E l’imperialismo? dai dai su, e l’imperialismo... svelto dai, è l’età, svelto Marx
- Ne parlavo con Lenin, è lassù che lo guarda lui c’è fissato, dice che ne ha un’immagine un po' sfuocata, parla di pax, di pax americana, dice che la pace è peggio della guerra
- Si questo l’ha detto anche il matto delle carte prima, ma poi cosa guardi? Cosa guardi ora se non c’è più niente?
- Non è vero che non c’è più niente, i nemici ci sono più di prima, solo che si presentano in un altro modo, è tutto più.... la vedi la produzione? Era così, una bambina, com’è cresciuta, che salute. Me la ricordo io, una bambina coi padri che, fai questo, fai quello. Roba da matti, una donna, autonoma.  Va da se va da se, bisogna fare qualcosa
-  Tira fuori la sua Laika col soffietto e Flash
-  Bisogna fare qualcosa. Flash Ah ho capito, Flash, è tutto più, Flash, interessante, Flash ho capito, è tutto più è tutto più...
- E il vecchio se ne andò ancheggiando lasciandomi nell’angoscia più totale. Il rullino il rullino, non andare via, il rullino spediscimelo. Maledetto testardo fissato, anche con l’arteriosclerosi, viene qui, vede che tutto si muove scatta un cinquecentesimo, è una mania una mania, c’avevo le idee così chiare, così precise. Scrivimi, scrivimi qualcosa, che se no magari, fra una decina d’anni, uno si sveglia e si trova lì  davvero senza borghesia, senza classi, senza padroni e nella merda più di prima.

 

Dall'album Libertà Obbligatoria - tracce:

 

Libertà Obbligatoria 1976/1977 


 

PRIMO TEMPO

  1. Introduzione (prosa)
  2. I Reduci
  3. L'Inserimento (prosa)
  4. Flash
  5. Le Carte
  6. Il Delirio
  7. La Cacca Dei Contadini (prosa)
  8. Il Comportamento
  9. Il Dono (prosa)
  10. Lona (canzone-prosa)
  11. Il Sogno di Gesù (prosa)
  12. L'Uomo Muore

 

SECONDO TEMPO

  1. La Solitudine
  2. La Coscienza (prosa)
  3. La Smorfia
  4. I Partiti (prosa)
  5. Le Elezioni
  6. Il Tennis (prosa)
  7. Quando Lo Vedi Anche
  8. L'America (prosa)
  9. Si Può
  10. Il Sogno Di Marx (prosa)
  11. Il Cancro
  12. Finale (prosa) - bis
Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta