logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

I Partiti (prosa)

 

Testo I Partiti (prosa) - 1976/1977

 

Vivaaaaa. Giovanotto, venga, non abbia paura, lei si vede, è istruito eh. Stia attento, il terreno, sccccc, mi capisce? Guardi, guardi quello lì, era DC, socialista. Vivaaaaa.
E mia madre, la mamma, una santa, azione cattolica, destra della DC del dopoguerra, ha votato PCI.  E allora uno dice, come’ è cambiata la mamma eh? Che dialettica. No, la mamma è rimasta uguale, tale e quale, sono i partiti che sccccc, slitten, slittano. Vivaaaaaa.
E se i partiti slittano, uno da vecchio, non vota più come prima, e quindi si trova a essere più rivoluzionario, nominalmente. Vede, io c’ho un figlio, extraparlamentare, non beve eh gente seria, che non scazza, ecco, se rimanesse lì, Dp quella roba lì, tra tre o quattro anni, partito di centro, scccc. Capito lo scivolo? Vivaaaa
Bisognerebbe saltare sempre, come fa la lepre, e chi ce la fa? Perché vede, uno si mette qui, in una fatta, sarebbe la  buca della lepre, ecco io sono qui a sinistra, quell’altro è lì, un’altra buca, più a destra, giusto, è il suo posto, ci si trova bene.  Dopo i partiti...sccccc tutti nella stessa buca, un troiaio. Vivaaaaaa.
Esci dalla buca, se ti riesce, vai a sinistra, più a sinistra che puoi, tutto il paese si sposta a sinistra, governo di sinistra. 
Ah bè. allora bene, governo di sinistra....Andreotti, Moro, Rumor...Fanfani qui, Donat Cattin, troppo eh?
Colombo qui così, ecco va bene così. Bl bl bl crolla, accidenti, bisogna ricominciare. 
Andreotti lo sposto lo metto qui. Moro qui, no qui c’era già prima, meglio qui. Gui... Gui lo butto via, ecco allora Moro Rumor, mi avanza un Fanfani dio bono. Allora, sposto Piccoli, ecco non c’è male.
Con un po' di pazienza, è calcolato che con gli stessi omini spostati giusti, si possono fare tremilasettecentoquarantadue combinazioni 
Vivaaaaaaaaaaaaaa

 

Dall'album Libertà Obbligatoria - tracce:

 

Libertà Obbligatoria 1976/1977 

 

PRIMO TEMPO

 

  1. Introduzione (prosa)
  2. I Reduci
  3. L'Inserimento (prosa)
  4. Flash
  5. Le Carte
  6. Il Delirio
  7. La Cacca Dei Contadini (prosa)
  8. Il Comportamento
  9. Il Dono (prosa)
  10. Lona (canzone-prosa)
  11. Il Sogno di Gesù (prosa)
  12. L'Uomo Muore

 

 

 

SECONDO TEMPO

 

  1. La Solitudine
  2. La Coscienza (prosa)
  3. La Smorfia
  4. I Partiti (prosa)
  5. Le Elezioni
  6. Il Tennis (prosa)
  7. Quando Lo Vedi Anche
  8. L'America (prosa)
  9. Si Può
  10. Il Sogno Di Marx (prosa)
  11. Il Cancro
  12. Finale (prosa) - bis

 

Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta