logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

La Famiglia

 

Testo La Famiglia - 1997/1998 1998/1999 1999/2000

 

E si nasce in famiglia 
voluti o non voluti
nel migliore dei casi 
da genitori innamorati

E si forma un gruppo chiuso 
dove siamo più protetti
col possesso un po’ geloso 
degli amori e degli affetti

All’inizio tutti emozionati 
sopraffatti dalla meraviglia
ci si abitua poco a poco 
a vivere in famiglia.

E si cresce in famiglia 
tra i baci e le carezze
che ti cullano il sonno 
e le prime tue certezze.

Nella quiete di una vita 
racchiusa in poche stanze
si definiscono pian piano 
le prime fragili alleanze.

E il timore di equilibri incerti 
ti consiglia come comportarti
e c’è già l’ambiguità 
del gioco delle parti.

La famiglia è un espediente 
per amare e farsi amare
ti lascia certe impronte  
che non puoi più cancellare

E si vive in famiglia 
in cerca di un’intesa
e con l’intima certezza 
di essere il centro della casa.

Ma arriva quasi all’improvviso 
come un miracolo inatteso
quando ti senti più tranquillo 
il lieto evento di un fratello

Per nascondere lo smarrimento 
per reprimere le gelosie
sei costretto ad inventar 
le prime ipocrisie

La famiglia è il grande sogno 
di ogni coppia innamorata
e ti lascia dentro un segno 
che ti resta per la vita

E si soffre in famiglia 
col tempo aumentano i veleni
le normali frustrazioni 
e anche gli inganni più meschini

Si impazzisce in famiglia 
fingendo di essere felici
si sprofonda e si affoga 
tra gli egoismi più feroci

Per sfuggire a una realtà grottesca 
metti in tasca una fotografia
e sei pronto a abbandonare tutto 
e andare via

La famiglia tanto amata 
è una morbida coperta
che ti lascia una ferita 
che rimane sempre aperta

Ma all’improvviso gli occhi di una donna 
e ritrovi quella meraviglia
che ti invoglia giustamente 
a farti una famiglia.

 

Dall'album Un'Idiozia Conquistata a Fatica - tracce:

 

Un'Idiozia Conquistata a Fatica 1997/1998 1998/1999 1999/2000 



 CD 1 

  1. L'Ingenuo [prima parte] (prosa)
  2. Il Luogo Del Pensiero
  3. Il Successo (prosa)
  4. Il Filosofo Overground
  5. La Stanza Del Bambino (prosa)
  6. Il Grido
  7. Quello Che Perde Tutto (prosa)
  8. La Legge
  9. Secondo Me La Donna
  10. Proposito d'Amare
  11. Incontro (prosa)
  12. Io Conto
  13. L'Azalea (prosa)
  14. Il Potere Dei Più Buoni
  15. Il Pelo (prosa)
  16. Il Mercato (canzone-prosa)

 

CD 2

  1. I Barbari
  2. La Stanza Del Bambino (prosa)
  3. Valentina
  4. Secondo Me Gli Italiani (prosa)
  5. Chissà
  6. La Famiglia
  7. Che Bella Gente (prosa)
  8. Spettacolo Puro
  9. Mi Vedo
  10. La Democrazia (prosa)
  11. Il Conformista
  12. L'Ingenuo [seconda parte] (prosa)
  13. Una Nuova Coscienza (canzone-prosa)
Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta