logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

Wittgenstein (prosa)

 

Testo Wittgenstein (prosa) - 1984/1985

 

E si, effettivamente dobbiamo dire, va detto, che negli altri paesi funziona tutto meglio che qui da noi eh. Ci vuole anche poco, è perché gli altri sono più seri, ecco si impegnano, fanno i sacrifici per migliorare, eh, perché loro credono nell'organizzazione, nelle responsabilità collettive. Per dire, i francesi credono, alla Francia, gli americani credono, all'America. Ci credono ecco, basta andare all'estero si respira subito un'altra aria! Anche in Svizzera.
Eppure mi hanno raccontato un aneddoto curioso, vero pare, che riguarda il famoso Wittge¬stein, grande filosofo, grande uomo di cultura, tuttologo insomma, sapeva tanto. Ecco questo, questo Wittge¬stein, pare che tornasse in treno con il suo assistente, si, pare che tornasse a casa, dopo aver termi¬nato il suo ultimo lavoro, un’opera decisiva, il Tractatus, che faceva il punto su tutta la filosofia…faceva il punto. Anni di studi, anni di ricerche, anni di saggi, fine del lavoro, e meritato riposo. Niente, scompartimento, grande silenzio, a un certo punto pare, che il suo assistente abbia chiesto: «Mi scusi professore, come spiega lei, il gesto che fanno gli italiani?» (gesto interrogativo ti¬picamente napoletano) Wittgestein pensa un attimo, poi sbianca in viso: «Porca miseria! Devo rifare tutto da capo!»
Ecco si, evidentemente c’era qualcosa che non gli tornava, non riusciva a capire l’atteggiamento, e nemmeno l’allegria, degli italiani, proprio loro, così incapaci di organizzarsi, incapaci di far funzionare la vita, incapaci persino di farsi un governo. Ma Wittge¬stein, era uno scienziato, forse avrebbe dovuto andare, dall’altra sponda dell’intelligenza, per afferrare il mistero, dell’incapacità consapevole, e sublimata.

 

Dall'album Io Se Fossi Gaber - tracce:

 

Io Se Fossi Gaber 1984/1985 

 

PRIMO TEMPO

  1. Introduzione prosa
  2. Io e Gli Altri
  3. L'Abitudine (prosa)
  4. Cronometrando il Mondo
  5. L'Intossicato (prosa)
  6. Luciano
  7. La Vestizione (prosa)
  8. La Massa
  9. Io e Le Cose
  10. I Posti Giusti (prosa)
  11. Il Tempo Quanto Tempo
  12. L'Audience (prosa)
  13. Qualcosa Che Cresce

 

SECONDO TEMPO

  1. Una Donna
  2. Il Senso (prosa)
  3. Oh Madonnina Dei Dolori (1972/1973)
  4. Il Sociale
  5. Wittgenstein (prosa)
  6. Benvenuto il Luogo Dove
  7. Cosa Mi Sono Perso
  8. Il Deserto
  9. Io Se Fossi (prosa)
  10. La Strana Famiglia
  11. Non è Più il Momento
  12. Ritratto Dello Zio
  13. Ipotesi Per Una Maria
  14. Attimi
Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta