logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

Io Come Persona

 

Testo Io Come Persona - 1995/1996

 

In un tempo 
di rassegnata decadenza 
serpeggia la paura 
nascosta dall'indifferenza.

In un tempo così caotico e corrotto 
in cui da un giorno all'altro 
ci può succedere di tutto.

In un tempo dove milioni di persone 
si massacrano tra loro 
e non sappiamo la ragione.

In un tempo tremendo in ogni parte del mondo.

In un tempo 
dove il mito occidentale 
nel momento in cui stravince 
è nella crisi più totale.

In un tempo 
indaffarato e inconcludente
dove si alza minaccioso 
il sole rosso dell’oriente.

In un tempo 
sempre più ostile allo straniero 
dove pian piano tutti i popoli 
stanno premendo sull'impero.

In un tempo tremendo in ogni parte del mondo.

In un tempo 
dove tutto ti sovrasta
e qualsiasi decisione 
passa sopra la tua testa.

In un tempo 
dove il nostro contributo 
la nostra vera colpa 
è solamente un voto.

In un tempo 
che non ti lascia via d'uscita 
dove il destino o qualcuno 
ha nelle mani la tua vita.


Io come persona io come persona
io come persona 
completamente fuori dalla scena 
io come donna o uomo 
che non avverte più nessun richiamo.

Io che non capisco
e che non riesco a valutare e a credere 
io confuso e vuoto e rassegnato 
a non schierarmi mai a non schierarmi mai
a non schierarmi mai

In un tempo tremendo, piano piano ti allontani da tutto, ma con fatica senza arroganza, come un uomo sconfitto che riesce a vivere solo, rifugiandosi nel suo piccolo mondo. Ma la salvezza personale non basta a nessuno. E la sconfitta è proprio quella, di avere ancora la voglia di fare qualcosa, e di sapere con chiarezza che non puoi fare niente. È lì che si muore. Fuori e dentro di noi.
Sei come un individuo innocuo, senza giudizi e senza idee. Un individuo sempre più smarrito e più impotente. Un uomo al termine del mondo ai confini del più niente.


Ma io ci sono  io ci sono
io come persona ci sono 
io come persona ci sono ancora

Io coi miei sentimenti ci sono 
io coi miei sentimenti ci sono ancora

Io con la mia fede ci sono 
io con la mia fede ci sono ancora

Io come donna o uomo ci sono 
io come donna o uomo ci sono ancora.

Io ci sono 
io ci sono

Io come persona ci sono io come persona ci sono 
Io come persona ci sono io come persona ci sono
ci sono ci sono ci sono

 

Dall'album E Pensare Che C'era Il Pensiero - tracce:

 

E Pensare Che C'era Il Pensiero 1995/1996 

 

PRIMO TEMPO 

  1. La Sedia Da Spostare (prosa)
  2. Mi Fa Male Il Mondo [prima parte]
  3. Questi Nostri Tempi (prosa)
  4. Isteria Amica Mia
  5. L'Equazione (prosa)
  6. Se Io Sapessi
  7. L'Abitudine
  8. La Realtà è Un Uccello (canzone-prosa)
  9. Qualcuno Era Comunista
  10. La Chiesa Si Rinnova (1995/1996)
  11. Io Come Persona

 

SECONDO TEMPO

  1. Un Uomo e Una Donna
  2. Sogno In Due Tempi (prosa)
  3. Canzone Della Non Appartenenza
  4. L'America
  5. E Pensare Che C'era Il Pensiero
  6. Quando Sarò Capace d'Amare
  7. Destra-Sinistra
  8. Mi Fa Male Il Mondo [seconda parte] (canzone-prosa)
Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta