logotype
image1 image1 image1

La Fondazione Giorgio Gaber nasce nel 2006, proseguendo nell'attivita' svolta dall'omonima Associazione Culturale costituitasi all'indomani della scomparsa dell'artista. Gli obiettivi principali della Fondazione sono la divulgazione e la valorizzazione della figura e dell'opera dell'artista rivolta in particolare alle fasce di pubblico piu' giovane.

Un Uomo e Una Donna

 

Testo Un Uomo e Una Donna - 1995/1996

 

E poi e poi e poi
e poi e poi
non ho più voglia di parlare
son confuso non so neanche decifrare
questo gran rifiuto che io sento

Non so se é un odio esagerato
o un grande vuoto
o addirittura un senso di sgomento
di disgusto che cresce 
che aumenta ogni giorno
mi fa male tutto quello che ci ho intorno.

E poi e poi e poi
questo gran parlare che mi viene addosso
bocche indaffarate volti da rubriche di successo
eterne discussioni

Sono innocue esibizioni ma fa effetto
questo gusto questo sfoggio di giocare all'uncinetto
con le opinioni

Sono stanco vorrei andarmene lontano
ma purtroppo mi ci invischio 
ogni volta mi accanisco
é una droga non ne posso fare a meno.

E poi e poi e poi
e poi e poi

Ci siamo noi un uomo e una donna
con tutte le nostre speranze le nostre paure
che a fatica ogni giorno cerchiamo di capire
cos'é questa cosa che noi chiamiamo amore.

E poi e poi e poi
questo gran bombardamento di notizie
la vita é piena di ingiustizie e di soprusi veri
devi dare una mano 
non puoi tirarti fuori

Devi andare a votare poco convinto
devi fare il tuo intervento
devi partecipare a questo gioco di potere
sempre più meschino e scaltro
e tutto quello che io sento é qualcos'altro
é qualcos'altro.

E poi e poi e poi
e poi e poi

Io e lei un uomo e una donna
in cerca di una storia del tutto inventata
ma priva di ogni euforia e così concreta
che intorno a sé fa nascere la vita.

E poi e poi e poi
non saremmo più soli io e lei
finalmente coinvolti davvero
potremmo di nuovo guardare il futuro

E riparlare del mondo 
non più come condanna
ma cominciando da noi
un uomo e una donna.

E riparlare del mondo 
non più come condanna
ma cominciando da noi
un uomo e una donna.

 

Dall'album E Pensare Che C'era Il Pensiero - tracce:

 

E Pensare Che C'era Il Pensiero 1995/1996 

 

PRIMO TEMPO 

  1. La Sedia Da Spostare (prosa)
  2. Mi Fa Male Il Mondo [prima parte]
  3. Questi Nostri Tempi (prosa)
  4. Isteria Amica Mia
  5. L'Equazione (prosa)
  6. Se Io Sapessi
  7. L'Abitudine
  8. La Realtà è Un Uccello (canzone-prosa)
  9. Qualcuno Era Comunista
  10. La Chiesa Si Rinnova (1995/1996)
  11. Io Come Persona

 

SECONDO TEMPO

  1. Un Uomo e Una Donna
  2. Sogno In Due Tempi (prosa)
  3. Canzone Della Non Appartenenza
  4. L'America
  5. E Pensare Che C'era Il Pensiero
  6. Quando Sarò Capace d'Amare
  7. Destra-Sinistra
  8. Mi Fa Male Il Mondo [seconda parte] (canzone-prosa)
Joomla SEF URLs by Artio

CONTATTI:

Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano (mappa)

Tel: 02 202334

Email: info@giorgiogaber.it

LINKS:

You Tube Facebook

My Space Twitter

SEZIONI:

Harari

Copyright 2015 - Fondazione Giorgio Gaber - Piazza Aspromonte, 26 - 20131 Milano

Sviluppo web - sviluppo sito web

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta